Scarica i tuoi collegamenti Linkedin!

Quando hai diverse centinaia o addirittura migliaia di collegamenti su LinkedIn è fondamentale avere la possibilità di visualizzarli nel loro insieme.

Avere sottomano la lista completa dei propri collegamenti LinkedIn può essere molto utile per fare analisi, riflessioni ed azioni di marketing esterne al portale.

COME SCARICARE I PROPRI CONTATTI

Sul sito di Linkedin, nascosta all’interno della voce Impostazioni e Privacy  c’è una funzione che ti permette di scaricare, tra le altre cose, i tuoi collegamenti.

Linkedin ti chiederà per sicurezza la tua password e poi entro qualche minuto ti invierà una e-mail con l’url dove scaricare il file.

Il file, un banalissimo formato di testo con estensione CSV, potrà essere aperto correttamente con Excel tramite la funzione di importazione dati e presenterà per ogni riga un nominativo.

Non tutti i dati sul tuo contatto sono presenti sul file ma solo nome e cognome, la posizione, l’azienda e la data di connessione. A partire da novembre 2018 purtroppo il campo indirizzo e-mail è presente ma quasi sempre vuoto a causa di variazioni della Privacy di LinkedIn.

COSA FARE CON I CONTATTI SCARICATI

Ovviamente gli step successivi dipendono sostanzialmente dalla tua strategia e dai tuoi obiettivi.

Ad esempio, se scrivi articoli su Linkedin potresti essere interessato a capire il settore di provenienza dei tuoi collegamenti.

Se sei alla ricerca di nuovi potenziali clienti, potresti essere interessato a scoprire quale “job title“ utilizza il tuo target per migliorare le ricerche di potenziali contatti su LinkedIn.

UN UTILIZZO AVANZATO

Se vuoi compiere analisi più complesse o operazioni di marketing esterne a LinkedIn, non ti rimane che armarti di santa pazienza e “trascrivere” nome per nome dal profilo LinkedIn del contatto le informazioni essenziali che mancano e che ti sono utili (luogo geografico, indirizzo e-mail, eventuali altre modalità di contatto inserite). Una volta fatta la fatica iniziale, ti consiglio di tenere a portata di mano il file costruito e aggiornarlo ogni volta che aggiungi un nuovo collegamento.

Naturalmente valuta gli aspetti legati alla Policy di LinkedIn e alla Privacy in generale prima di compiere qualunque azione!

Se ad esempio volessi includere in una tua newsletter i contatti nati su LinkedIn, ti consiglio di inviare da LinkedIn un messaggio personalizzato alla persona spiegando i vantaggi della tua iniziativa e chiedendogli il permesso di mandargli delle e-mail all’indirizzo che ha inserito su LinkedIn

Si tratta di un lavoro certamente “certosino” ma che, affiancato ad una corretta strategia commerciale, può fare la differenza.