Post legati all'Attualità

3 Rischi nei Contenuti legati all’Attualità…

Capita sovente di leggere contenuti che “si agganciano” a notizie di cronaca per cercare di ottenere maggiore attenzione sfruttandone la popolarità mediatica.

Ad esempio, si è verificato un incendio con esiti nefasti e chi si occupa di impianti anti-incendio subito scrive su questo evento, descrivendo i rischi del fuoco nelle abitazioni e di come tutelarsi.

Ancora, quando scoppiò la polemica su Barilla e i gay (2013), decine di blog dedicati al marketing dedicarono fiumi di post alla vicenda. Lo stesso nel 2020 per il fenomeno sociale e di marketing delle snackers LIDL…

Ora, la riflessione che voglio fare in questo scritto, è capire rischi di post di questo tipo.

Sicuramente un risultato atteso è quello di ottenere un’attenzione maggiore ed una maggiore visibilità anche grazie ad un numero di commenti e condivisioni superiore rispetto ad un articolo tradizionale.

Ma siamo sicuri che siano tutte “rose e fiori”?

 

Primo rischio: l’effetto “mozzarella scaduta”

La mozzarella di bufala è uno dei cibi che preferisco…quando è fresco. Quando è scaduto, puzza terribilmente.

Se scrivi con continuità post ed articoli finalizzati a raggiungere un obiettivo legato al business, ma non hai a disposizione una redazione giornalistica dedicata, saprai sicuramente che la produzione di articoli è una cosa faticosa e al limite del rapporto costo-beneficio. Per questo un post deve fornire la sua utilità per un tempo necessariamente molto più lungo di pochi giorni.


Secondo rischio: troppa concorrenza

Se un argomento specifico è ripreso da centinaia di siti, anche le persone più interessate al discorso, presto si stancheranno. Quindi, la possibilità che il tuo articolo venga letto da una grande quantità di persone non è così scontata.

 

Terzo rischio: post fotocopia

Molto spesso i post costruiti a partire da articoli di cronaca sono banali, proprio perché realizzati velocemente per sfruttare la notorietà della vicenda. In più, oltre ad essere banali, sono quasi tutti identici fra loro.
Questo non aiuta nel posizionamento di Personal Branding.

 

Alla luce di ciò, non voglio certo concludere che sia sbagliato utilizzare questo tipo di post. Ma bisogna conoscerne i limiti e cercare di ridurre aspetti negativi.

Mi viene in mente che potrebbero essere una soluzione corretta per farti conoscere da nuovi lettori utilizzando una sponsorizzazione a pagamento. In questo caso è probabile che otterrai una percentuale di clic superiore rispetto alla sponsorizzazione di un articolo “normale”.

Ma ricorda che la fidelizzazione del lettore la otterrai con contenuti originali e studiati per il tuo target.